Background image
  • Facebook

Voucher per la digitalizzazione delle Pmi.

21 novembre 2017

Il MISE ha definito termini e modalità di concessione di un “voucher”, finalizzato a sostenere l’acquisto di software, hardware o servizi che consentano:

  • il miglioramento dell'efficienza aziendale;

  • la modernizzazione dell'organizzazione del lavoro;

  • lo sviluppo di soluzioni di e-commerce;

  • la connettività a banda larga e ultralarga;

  • il collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare (acquisto e attivazione di decoder e parabole), nelle aree dove le condizioni geomorfologiche non consentano l'accesso a soluzioni adeguate attraverso le reti terrestri o laddove gli interventi infrastrutturali risultino scarsamente sostenibili economicamente o non realizzabili;

  • la formazione qualificata, nel campo ICT, del personale delle suddette piccole e medie imprese.

Requisiti richiesti:

  • micro, piccole o medie imprese (PMI) indipendentemente dalla loro forma giuridica, nonché dal regime contabile adottato;

  • non rientrare tra le imprese attive nei settori esclusi dall’articolo 1 del regolamento (UE) n.1407/2013 della Commissione, del 18 dicembre 2013;

  • avere sede legale e/o unità locale attiva sul territorio nazionale ed essere iscritte al Registro delle imprese della Camera di commercio territorialmente competente;

  • non essere sottoposte a procedura concorsuale e non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione anche volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente;

  • non aver ricevuto altri contributi pubblici per le spese oggetto della concessione del Voucher;

  • non trovarsi nella situazione di aver ricevuto e successivamente non rimborsato o depositato in un conto bloccato aiuti sui quali pende un ordine di recupero, a seguito di una precedente decisione della Commissione europea che dichiara l’aiuto illegale e incompatibile con il mercato comune.

Contributo concedibile.

Ciascuna impresa proponente può presentare un’unica domanda di accesso alle agevolazioni per un importo del Voucher pari al 50% del totale delle spese ammissibili e, in ogni caso, non superiore a € 10.000,00 (diecimila/00).

Spese ammissibili.

Sono considerate ammissibili le spese:

a) per l’acquisto di hardware, software e servizi di consulenza specialistica strettamente finalizzati alla digitalizzazione dei processi aziendali;

b) per l’acquisto di hardware, software e servizi di consulenza specialistica strettamente finalizzati alla modernizzazione dell'organizzazione del lavoro, con particolare riferimento all'utilizzo di strumenti tecnologici e all’introduzione di forme di flessibilità del lavoro, tra cui il telelavoro;

c) l’acquisto di hardware, software, inclusi software specifici per la gestione delle transazioni on-line e per i sistemi di sicurezza della connessione di rete, e servizi di consulenza specialistica strettamente finalizzati allo sviluppo di soluzioni di e-commerce;

d) purché strettamente correlate agli ambiti di attività di cui alle lettere a), b) e c), le spese di attivazione del servizio sostenute una tantum, con esclusivo riferimento ai costi di realizzazione delle opere infrastrutturali e tecniche, quali lavori di fornitura, posa, attestazione, collaudo dei cavi, e ai costi di dotazione e installazione degli apparati necessari alla connettività a banda larga e ultralarga;

e) purché strettamente correlate agli ambiti di attività di cui alle lettere a), b) e c), le spese relative all’acquisto e all'attivazione di decoder e parabole per il collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare;

f) per la partecipazione a corsi e per l’acquisizione di servizi di formazione qualificata, purché attinenti fabbisogni formativi strettamente correlati agli ambiti di attività di cui alle lettere a), b), c), d) ed e). Gli interventi formativi dovranno essere rivolti al personale delle imprese beneficiarie (titolari, legali rappresentanti, amministratori, soci, dipendenti) risultante dal registro delle imprese o dal libro unico del lavoro.

Per essere ammissibili le spese connesse all’intervento di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico dell’impresa devono:

  1. essere avviate successivamente alla prenotazione del Voucher;

  2. essere ultimate non oltre sei mesi dalla data di pubblicazione nel sito web del Ministero;

  3. essere relative a beni nuovi di fabbrica acquistati da terzi che non hanno relazioni con l’acquirente e alle normali condizioni di mercato;

  4. nel caso di spese per servizi di consulenza specialistica o di formazione qualificata, essere relative a prestazioni svolte nel periodo di sviluppo del progetto.

Modalità di partecipazione.

Le domande di accesso alle agevolazioni possono essere presentate dalle imprese proponenti in possesso dei requisiti previsti esclusivamente tramite la procedura informatica, accessibile nell’apposita sezione “Voucher digitalizzazione”, a partire dal 30 gennaio 2018 e fino al 9 febbraio 2018. E’ possibile preparare il tutto preventivamente, procedendo al caricamento ufficiale dal 15/01/2018.

Rimaniamo a disposizione per ogni possibile chiarimento.

Archivio news

 

News dello studio

nov21

21/11/2017

Voucher per la digitalizzazione delle Pmi.

Il MISE ha definito termini e modalità

set26

26/09/2017

COMUNICAZIONI IMPORTANTI DA STUDIO

Lo Studio comunica che per i nuovi adempimenti

set22

22/09/2017

NUOVI ORARI STUDIO SERVIZIO DI CONSULENZA DEL LAVORO

Facendo seguito alla ns dell’1 scorso,

News

gen18

18/01/2018

Revisione legale: in consultazione il manuale delle procedure di controllo di qualità

Il Consiglio Nazionale dei dottori commercialisti

gen22

22/01/2018

Cessione di azioni e cessione di azienda non equiparabili anche per il passato

Grazie alle modifiche recate dalla legge

gen20

20/01/2018

Salario minimo: perché non introdurlo?

Si fa sempre più vivo anche in Italia