Background image
  • Facebook

NUOVO REGIME FORFETTARIO ANCORA IN CERCA DI CHIARIMENTI

14 gennaio 2019

Facciamo seguito alla nostra circolare del 10 scorso, per precisare quanto segue.

Il nuovo articolo 1, comma 57, della legge 190/2014 non brilla certamente per chiarezza, cosicché per alcuni contribuenti, prima di confermare per il 2019 il regime flat, sembra opportuna una certa cautela nella fatturazione delle operazioni, in quanto sia per accedere che per mantenere le agevolazioni fiscali negli anni successivi si dovranno possedere anche le caratteristiche indicate.

Mai come quest’anno, quindi, saranno fondamentali i chiarimenti interpretativi ufficiali delle Entrate, con particolare riferimento alle nuove cause ostative per l’accesso al regime “ampliato” dalla Legge di Bilancio 2019 (Legge 145/2018) e, in particolare, su ciò che debba essere inteso per partecipazione contemporanea da parte del contribuente forfetario a Srl da esso controllate anche indirettamente, nonché cosa debba intendersi per esercizio di attività economica anche indirettamente riconducibile a quella svolta e, infine, quale sia il perimetro dei soggetti anche indirettamente riconducibili ai datori di lavoro, con i quali sono intercorsi rapporti lavorativi nei due precedenti periodi d’imposta e nei confronti dei quali non può esercitarsi la parte prevalente dell’attività tassata a forfait.

Appare, allora, utile evidenziare che chi si comportasse fiscalmente da “forfettario” in una situazione di condizione ostativa all’accesso al regime agevolato e non correggesse presto tale erronea impostazione presterebbe il fianco a conseguenze pesantissime. Per quanto concerne l’Iva, ad esempio, si assisterebbe in sede di accertamento alla riqualificazione delle operazioni come rientranti nel perimetro di applicazione del tributo e tutte le operazioni attive fatturate “fuori campo Iva” sarebbero contestate.

Inoltre, ulteriori problemi potrebbero sorgere anche per profili sanzionatori degli obblighi violati in qualità di sostituto d’imposta: coloro che fruiscono del regime forfetario, infatti, non sono tenuti ad operare le ritenute alla fonte, ma qualora fosse accertata l’illegittimità dell’accesso al regime verrebbe contestato anche il non aver operato eventuali ritenute, a titolo d’acconto o d’imposta, di non averle versate entro i termini stabiliti e di non aver rilasciato le previste certificazioni di effettuazione delle stesse.

In attesa, quindi, degli auspicati chiarimenti, che saranno tempestivamente comunicati, porgiamo cordiali saluti.

Archivio news

 

News dello studio

apr8

08/04/2019

Voucher Digitali I 4.0

La Camera di commercio di Cosenza, nell’ambito delle attività previste dal Piano Nazionale Impresa 4.0, intende promuovere la diffusione della cultura e della pratica digitale nelle Micro,

gen24

24/01/2019

Bando GAL Sila e Avviso pre informazione GAL Savuto

GAL SAVUTO PRE INFORMAZIONE MISURA 4.1.   BENEFICIARI - Imprese agricole, in forma singola o associata, regolarmente costituite ed iscritte alla Camera di Commercio e in possesso di una posizione

gen14

14/01/2019

CEDOLARE SECCA SU IMMOBILI COMMERCIALI: PRIMI CHIARIMENTI

Facciamo seguito alla ns del 10 scorso per precisare che, vista la rigidità della disposizione contenuta nell’art.1, comma 59, della Legge 145/2018, i vantaggi possibili connessi all’estensione

News

ago22

22/08/2019

Gli “arcani minori” degli ISA: la rigidità degli indici di anomalia

La preponderanza, per non dire “prepotenza”,

ago22

22/08/2019

Assegno di incollocabilità: importo rivalutato da luglio 2019

Nella circolare n. 23 del 2019, l’INAIL