Background image
  • Facebook

NUOVO REGIME FORFETTARIO ANCORA IN CERCA DI CHIARIMENTI

14 gennaio 2019

Facciamo seguito alla nostra circolare del 10 scorso, per precisare quanto segue.

Il nuovo articolo 1, comma 57, della legge 190/2014 non brilla certamente per chiarezza, cosicché per alcuni contribuenti, prima di confermare per il 2019 il regime flat, sembra opportuna una certa cautela nella fatturazione delle operazioni, in quanto sia per accedere che per mantenere le agevolazioni fiscali negli anni successivi si dovranno possedere anche le caratteristiche indicate.

Mai come quest’anno, quindi, saranno fondamentali i chiarimenti interpretativi ufficiali delle Entrate, con particolare riferimento alle nuove cause ostative per l’accesso al regime “ampliato” dalla Legge di Bilancio 2019 (Legge 145/2018) e, in particolare, su ciò che debba essere inteso per partecipazione contemporanea da parte del contribuente forfetario a Srl da esso controllate anche indirettamente, nonché cosa debba intendersi per esercizio di attività economica anche indirettamente riconducibile a quella svolta e, infine, quale sia il perimetro dei soggetti anche indirettamente riconducibili ai datori di lavoro, con i quali sono intercorsi rapporti lavorativi nei due precedenti periodi d’imposta e nei confronti dei quali non può esercitarsi la parte prevalente dell’attività tassata a forfait.

Appare, allora, utile evidenziare che chi si comportasse fiscalmente da “forfettario” in una situazione di condizione ostativa all’accesso al regime agevolato e non correggesse presto tale erronea impostazione presterebbe il fianco a conseguenze pesantissime. Per quanto concerne l’Iva, ad esempio, si assisterebbe in sede di accertamento alla riqualificazione delle operazioni come rientranti nel perimetro di applicazione del tributo e tutte le operazioni attive fatturate “fuori campo Iva” sarebbero contestate.

Inoltre, ulteriori problemi potrebbero sorgere anche per profili sanzionatori degli obblighi violati in qualità di sostituto d’imposta: coloro che fruiscono del regime forfetario, infatti, non sono tenuti ad operare le ritenute alla fonte, ma qualora fosse accertata l’illegittimità dell’accesso al regime verrebbe contestato anche il non aver operato eventuali ritenute, a titolo d’acconto o d’imposta, di non averle versate entro i termini stabiliti e di non aver rilasciato le previste certificazioni di effettuazione delle stesse.

In attesa, quindi, degli auspicati chiarimenti, che saranno tempestivamente comunicati, porgiamo cordiali saluti.

Archivio news

 

News dello studio

giu2

02/06/2020

DECRETO RILANCIO. FATTURE PER DPI ESENTI DA IVA

L’articolo 124 del Decreto Rilancio riporta l’elenco (da considerarsi tassativo) dei DPI esenti da IVA. Quanto alle mascherine, sono esenti da imposta solamente quelle chirurgiche e quelle

giu1

01/06/2020

DECRETO RILANCIO. BONUS AFFITTI BOTTEGHE E NEGOZI

Il bonus botteghe e negozi nasce con il dichiarato intento di sostenere gli imprenditori, soprattutto i piccoli commercianti, che a causa dello stop della propria attività dovuto al diffondersi

giu1

01/06/2020

BONUS 600 EURO. CHIARIMENTI INPS

Arrivano i primi chiarimenti sulle indennità a favore dei lavoratori atipici varate dal decreto Rilancio (Dl n. 34/2020). Nella giornata del 29 maggio, infatti, l’Inps ha emanato le circolari

News

giu1

01/06/2020

Effetti del Covid-19 neutralizzati anche per l'IFRS 16

L’IFRS Foundation ha approvato una modifica

giu1

01/06/2020

Lo sconto IRAP di giugno fa il pieno di dubbi (di incostituzionalità) e ingiustizie

Lo sconto IRAP previsto dal decreto Rilancio

giu1

01/06/2020

Covid-19: quali impatti sulla gestione contributiva dei lavoratori espatriati

Le limitazioni allo spostamento imposte