Background image
  • Facebook

DECRETO RILANCIO. ACCESSIBILE DAL 1° LUGLIO IL BONUS VACANZE

19 giugno 2020

Dal 1° Luglio scatta il bonus vacanze, ovvero la possibilità di usufruire di un contributo massimo di 500 Euro per le famiglie con Isee fino a 40mila Euro da utilizzare, per l’80%, sotto forma di sconto per il pagamento del servizio turistico e per il restante 20% come detrazione di imposta in dichiarazione dei redditi.

Come indicato dal provvedimento protocollo n. 237174/2020 del 17 Giugno il bonus dovrà essere richiesto e sarà erogato unicamente in forma digitale: per ottenerlo si deve essere dotati di una identità digitale Spid (Sistema pubblico di identità digitale) o Cie 3.0 (Carta d'Identità Elettronica). Al momento della richiesta del bonus si devono inserire le credenziali digitali e successivamente fornire l’Isee che documenti il limite massimo di 40mila Euro.

In particolare, gli utenti devono installare e accedere ad un’applicazione denominata IO, app dei servizi pubblici, resa disponibile da PagoPA S.p.A. sul sito https://io.italia.it/ e da li scaricare l’apposita app accedendo all’app store o al play store a seconda del sistema operativo utilizzato.

Pertanto, anche prima del 1° Luglio 2020, sarà importante: - avere una Dichiarazione sostitutiva unica (DSU) per il calcolo dell’Isee in corso di validità che evidenzia una situazione economica equivalente non superiore a 40mila;- dotarsi di una identità digitale Spid, se non si è già in possesso di una carta d’identità elettronica abilitata per l’accesso all’app Io (versione CIE 3.0);- installare sul proprio smartphone Io – l’app dei servizi pubblici. All’interno dell’app Io, nella sezione Pagamenti, potrà essere aggiunto un nuovo Bonus/Sconto scegliendo il “Bonus Vacanze” dalla lista di quelli disponibili, successivamente, basterà seguire i passaggi per completare la richiesta e attivare il bonus. In caso di esito positivo, si ottiene un codice univoco e un QR-code che potranno essere utilizzati per la fruizione del bonus presso la struttura ricettiva prescelta. Il bonus attribuito, identificato proprio dal codice univoco, a cui viene associato anche il QR code (leggibile direttamente dallo schermo del telefono) deve essere comunicato all’albergatore, insieme al codice fiscale, al momento di pagare il soggiorno presso la struttura dove verranno trascorse le vacanze. Come disposto dall’articolo 176 del Dl 34/2020 (decreto rilancio) il bonus deve essere utilizzato in due tempi: l’80% dell'importo viene attribuito ad uno qualunque dei componenti della famiglia, anche diverso da quello che ha richiesto il bonus con la propria identità digitale, sotto forma di sconto diretto da utilizzare in un’unica soluzione per i servizi resi da una singola impresa turistica. Lo sconto verrà concesso dalla struttura turistica al momento del pagamento del corrispettivo dovuto per il servizio prescelto.

Il restante 20%, con una complicazione di non poco conto per l’utente, sarà portato in detrazione dalle imposte dovute nella dichiarazione dei redditi relativa al 2020 che verrà presentata il prossimo anno. La detrazione compete al soggetto che ha utilizzato lo sconto intestatario della fattura, del documento commerciale o dello scontrino/ricevuta fiscale emesso dal fornitore del servizio turistico.

Esemplificando: se si spendono 1.000 Euro per la vacanza e compete un bonus di 500 Euro, si dovranno corrispondere all’albergatore 600 Euro scontando i 400 euro di credito (pari all’80 per cento dei 500 Euro spettanti) mentre il restante 20 per cento (pari a 100 euro) sarà recuperato, sotto forma di detrazione, nella dichiarazione dei redditi da presentare per l’anno 2020, nel 2021. La detrazione, completamente monitorata dal sistema, sarà utilizzata anche per la predisposizione della dichiarazione precompilata e al riguardo il decreto attuativo ricorda che l’eventuale parte della detrazione che non trova capienza nell’imposta lorda non potrà essere riportata a credito per gli anni d’imposta successivi, né richiesta a rimborso. La struttura ricettiva a sua volta dovrà verificare la validità del bonus inserendo il codice univoco fornito dal cliente, il suo codice fiscale e l’importo del corrispettivo dovuto in una procedura web dedicata, disponibile nell’area riservata del sito internet dell’agenzia delle Entrate, accessibile con le ordinarie modalità di accesso ai servizi telematici dell’Agenzia. A seguito del riscontro positivo del sistema la struttura ricettiva conferma l’applicazione dello sconto e da quel momento l’agevolazione si intende interamente utilizzata. Il fornitore recupera lo sconto concesso sotto forma di credito d’imposta in compensazione nel modello F24, a partire dal giorno lavorativo successivo alla conferma dello sconto, senza limiti di importo. In alternativa lo sconto concesso può essere ceduto a terzi, anche diversi dai propri fornitori, compresi gli istituti di credito e gli intermediari finanziari. La cessione dovrà essere comunicata all’Agenzia attraverso una procedura web dedicata sempre accedendo alla propria area riservata del sito web delle Entrate

Restiamo a disposizione per ogni possibile chiarimento.

Archivio news

 

News dello studio

lug3

03/07/2020

CREDITI D’IMPOSTA SULLE LOCAZIONI CREDITO CEDIBILE.

A partire dal prossimo 13 Luglio e fino al 31 Dicembre 2021, tramite un’apposita funzionalità disponibile nell’area autenticata del sito dell’Agenzia delle Entrate, sarà

giu20

20/06/2020

DAL 1° LUGLIO SI ABBASSA IL LIMITE ALL’USO DEL CONTANTE

A decorrere dal 1° Luglio prossimo e fino al 31 Dicembre 2021, il limite all’uso del contante  passa dagli attuali 3.000 Euro a 2.000 Euro. Dal 1° Gennaio 2022, scatterà un’ulteriore

giu19

19/06/2020

DECRETO RILANCIO. ACCESSIBILE DAL 1° LUGLIO IL BONUS VACANZE

Dal 1° Luglio scatta il bonus vacanze, ovvero la possibilità di usufruire di un contributo massimo di 500 Euro per le famiglie con Isee fino a 40mila Euro da utilizzare, per l’80%, sotto