Background image
  • Facebook

DAL 1° FEBBRAIO PARTE LA LOTTERIA DEGLI SCONTRINI

26 gennaio 2021

Il 1° Febbraio prossimo parte la lotteria degli scontrini, a condizione di effettuare acquisti presso esercenti i cui registratori telematici (Rt) risultano adeguati per memorizzare e trasmettere i dati della lotteria.

Il software che gestisce i registratori telematici e i server Rt deve essere adeguato per trasmettere i dati lotteria, ma non deve adeguarsi al nuovo tracciato «7.0», per il quale l’adeguamento è previsto dal 1° Aprile 2021. In effetti, la versione «7.0» se, da una parte, consente agli esercenti di gestire tutte le specifiche tipologie di operazioni commerciali, ad esempio sconti, acconti, pagamenti con ticket, buoni monouso/multiuso, dall’altra, non aggiunge nulla ai fini della lotteria degli scontrini. È ovvio che se possibile è utile provvedere entro il 1° Febbraio ad entrambi gli adeguamenti.

Comunque, è utile segnalare ai propri clienti di essersi adeguati così da farli partecipare alla lotteria, esponendo un apposito cartello con logo e indicazione della possibilità di concorrere.

La partecipazione alla lotteria, riservata ai maggiorenni residenti in Italia, richiede inoltre che l’intero importo dell’acquisto risulti corrisposto attraverso l’utilizzo di strumenti di pagamento elettronico, con espressa annotazione sul documento commerciale, oltre all’esibizione del codice lotteria.

L’agenzia delle Entrate consiglia a tale proposito di collegare il registratore telematico direttamente al sistema di pagamento elettronico tramite Pos utilizzando l’apposita porta di connessione. In questo modo, l’informazione viene annotata in via automatica e risulta riportata sul documento commerciale. In assenza di collegamento diretto al Pos, dovrà essere l’esercente ad indicare l’avvenuto pagamento con strumento elettronico utilizzando un apposito tasto presente sul registratore (o facendone abilitare uno). Il cittadino dovrebbe verificare la presenza di tale informazione, unitamente al proprio codice lotteria, sul documento commerciale.

All’esercente è consigliato inoltre di dotarsi di un lettore di codice a barre (barcode) per potere registrare in automatico (con rapidità) e senza errori (sicurezza nel dato) il codice lotteria che verrà mostrato dal cliente. In alternativa si dovranno digitare le relative informazioni utilizzando l’apposito tastierino presente sul registratore.

Per quanto riguarda gli acquisti effettuati in farmacia, si ricorda che l’inserimento del codice lotteria esclude la possibilità di inserire anche il codice fiscale (e viceversa), in quanto ciò consentirebbe un abbinamento dell’acquirente che vuole utilizzare una detrazione fiscale con la lotteria. Quindi se si acquista un prodotto non sanitario in una farmacia si può partecipare alla lotteria. Naturalmente non si partecipa se si acquista un medicinale esibendo la propria Tessera sanitaria. Se si acquista invece sia un medicinale che un prodotto non sanitario, mostrando la Ts è esclusa la partecipazione alla lotteria.

Il pagamento con ticket restaurant non permette la partecipazione non trattandosi di strumenti elettronici.

 

Quando si vende una gift card, e cioè un buono sia esso monouso o multiuso, pagando in elettronico si può partecipare alla lotteria mentre quando si utilizza il buono, invece, non si è in presenza di un pagamento elettronico e quindi non si partecipa alla lotteria.

 

Archivio news

 

News dello studio

mar24

24/03/2021

FONDO PERDUTO DOMANDE DAL 30 MARZO

Ieri, 23 Marzo, l’Agenzia delle Entrate ha emanato il provvedimento 77923/2021, che stabilisce la possibilità di richiedere i contributi a fondo perduto previsti dal Dl Sostegni (Dl 41/2021)

mar23

23/03/2021

CARTELLE ESATTORIALI PROROGHE DEI PAGAMENTI E DELLE NOTIFICHE

L’articolo 4 del Dl 41/2021 (decreto Sostegni) riporta le modifiche in materia di riscossione coattiva all’interno dell’articolo 68 del Dl 18/2020. In primo luogo, la novella impatta

mar23

23/03/2021

NUOVO CONDONO CARTELLE ESATTORIALI

L’articolo 4 del Dl 41/2021 (Decreto Sostegni) - pubblicato nella «Gazzetta Ufficiale» di ieri, lunedì 22 Marzo – riproduce con alcune modifiche l’analoga disposizione