Background image
  • Facebook

COME GESTIRE IL REGISTRATORE TELEMATICO DURANTE LA SOSPENSIONE DELL’ATTIVITA’.

25 marzo 2020

Come sappiamo, il D.P.C.M. 11 marzo 2020 e il successivo D.P.C.M. 22 marzo 2020 hanno disposto lachiusura di tutte le attività commerciali e di vendita al dettaglio, ad eccezione dei negozi di generi alimentari, di prima necessità, delle farmacie e dei servizi di pubblica utilità.

Considerato che nella disposizione sono comprese molte attività soggette all’obbligo di certificazione dei corrispettivi, riteniamo utile sciogliere alcuni dubbi in relazione agli effetti dell’interruzione dell’attività sulle procedure di memorizzazione e invio dei dati mediante il Registratore telematico (RT).

Gli operatori economici che si sono dotati del Registratore telematico devono generalmente preoccuparsi di disporre di una connessione Internet attiva al momento dell’effettuazione delle procedure di chiusura della cassa, poiché una volta completata tale operazione, è il RT che procede automaticamente alla predisposizione del file contenente i dati dei corrispettivi da trasmettere all’Agenzia delle Entrate.

Cosa prevedono le specifiche tecniche

Con provvedimento n. 1432217 del 20 dicembre 2019 l’Agenzia delle Entrate ha aggiornato le specifiche tecniche per la memorizzazione elettronica e l’invio telematico dei dati dei corrispettivi giornalieri.

Tali specifiche tecniche prevedono espressamente che, nel caso di interruzione dell’attività per chiusura settimanale, chiusura domenicale, ferie, chiusura per eventi eccezionali, attività stagionale o qualsiasi altra ipotesi di interruzione della trasmissione (non causata da malfunzionamenti tecnici dell’apparecchio), “il Registratore Telematico, alla prima trasmissione successiva ovvero all’ultima trasmissione utile, provvede all’elaborazione e all’invio di un unico file contenente la totalità dei dati (ad importo zero) relativi al periodo di interruzione, per i quali l’esercente non ha effettuato l’operazione di chiusura giornaliera”.

Con riferimento a quanto disposto dal D.P.C.M. 11 marzo 2020, l’Agenzia delle Entrate ha fornito alcune indicazioni sulle modalità di gestione del registratore telematico nei giorni di chiusura per l’emergenza.

In particolare, viene ribadito che, durante tale periodo, il RT non memorizzerà e trasmetterà alcuna informazione, non essendo necessario effettuare alcuna comunicazione ulteriore. Sarà il registratore che, al momento della riapertura dell’esercizio, e alla prima trasmissione, comunicherà automaticamente il periodo di inattività.

In alternativa è possibile - previo accesso al portale Fatture e Corrispettivi - modificare lo “stato” del registratore telematico, impostandolo in modalità “fuori servizio”.

In tale circostanza sarà il registratore stesso che, al momento della riaccensione e successiva prima chiusura di cassa, si reimposterà automaticamente in modalità “in servizio”.

Sospensione degli adempimenti tributari

Considerato il disposto dell’art. 62 del decreto Cura Italia sulla sospensione degli adempimenti tributari (diversi dai versamenti) che scadono tra l’8 marzo 2020 e il 31 maggio 2020, è plausibile che tale sospensione riguardi anche l’obbligo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri.

La questione riguarda le attività che non sono interessate dagli obblighi di chiusura e che, come consentito dalla disciplina transitoria, sono ancora sprovviste del Registratore Telematico, in quanto si avvalgono della procedura di invio dei dati (da effettuarsi entro l’ultimo giorno del mese successivo) messa a disposizione dall’Agenzia delle Entrate. Per tali soggetti dovrebbe essere consentito l’invio cumulativo dei dati, senza applicazione di sanzioni, entro il 30 giugno 2020.

Restiamo a disposizione per ogni possibile chiarimento.

Con i migliori saluti.

Archivio news

 

News dello studio

giu2

02/06/2020

DECRETO RILANCIO. FATTURE PER DPI ESENTI DA IVA

L’articolo 124 del Decreto Rilancio riporta l’elenco (da considerarsi tassativo) dei DPI esenti da IVA. Quanto alle mascherine, sono esenti da imposta solamente quelle chirurgiche e quelle

giu1

01/06/2020

DECRETO RILANCIO. BONUS AFFITTI BOTTEGHE E NEGOZI

Il bonus botteghe e negozi nasce con il dichiarato intento di sostenere gli imprenditori, soprattutto i piccoli commercianti, che a causa dello stop della propria attività dovuto al diffondersi

giu1

01/06/2020

BONUS 600 EURO. CHIARIMENTI INPS

Arrivano i primi chiarimenti sulle indennità a favore dei lavoratori atipici varate dal decreto Rilancio (Dl n. 34/2020). Nella giornata del 29 maggio, infatti, l’Inps ha emanato le circolari

News

giu1

01/06/2020

Effetti del Covid-19 neutralizzati anche per l'IFRS 16

L’IFRS Foundation ha approvato una modifica

giu1

01/06/2020

Lo sconto IRAP di giugno fa il pieno di dubbi (di incostituzionalità) e ingiustizie

Lo sconto IRAP previsto dal decreto Rilancio

giu1

01/06/2020

Covid-19: quali impatti sulla gestione contributiva dei lavoratori espatriati

Le limitazioni allo spostamento imposte