Background image
  • Facebook

Circolare Tracciabilità Retribuzioni

14 giugno 2018

Dal 1° luglio 2018 entreranno in vigore le disposizioni contenute nella Legge di Stabilità 2018, in materia di tracciabilità delle retribuzioni.

Ai sensi dei commi 910-915, articolo 1, della Legge 205/2017 è fatto divieto al datore di lavoro o al committente di corrispondere la retribuzione al lavoratore in contanti. I datori di lavoro o i committenti, pertanto, saranno obbligati ad effettuare i pagamenti delle retribuzioni esclusivamente per come segue:

  • Bonifico sul conto identificato dal codice IBAN indicato dal lavoratore;

  • Strumenti di pagamento elettronico;

  • Pagamento in contanti presso lo sportello bancario o postale dove il datore di lavoro abbia aperto un conto corrente di tesoreria con mandato di pagamento;

  • Emissione di un assegno consegnato direttamente al lavoratore o ad un suo delegato, in caso di comprovato impedimento del primo.

Con le stesse modalità dovranno essere obbligatoriamente pagati tutti gli elementi della retribuzione, compreso ogni anticipo della stessa, risultanti dal prospetto paga e dal Libro Unico del Lavoro. Sono esclusi dall’obbligo di tracciabilità, invece, gli anticipi di cassa per fondo spese, rimborsi spese e altre somme corrisposte al lavoratore, diverse da quelle contrattuali.

Al datore di lavoro o committente che viola l’obbligo in oggetto si applica una sanzione amministrativa da 1.000 a 5.000 euro.

La sanzione si applica anche nel caso in cui il datore di lavoro o committente abbia effettuato il pagamento con le modalità previste, ma abbia successivamente revocato il bonifico ovvero abbia annullato l’assegno bancario eventualmente emesso, prima dell’incasso.

Non costituisce prova dell’avvenuto pagamento della retribuzione, inoltre, la firma apposta dal lavoratore sulla busta paga.

Rimangono esclusi dal predetto obbligo:

  • Rapporti di lavoro instaurati con le pubbliche amministrazioni;

  • Rapporti di lavoro domestico, nonché rientranti nell’ambito di applicazione dei CCNL per addetti a servizi familiari e domestici;

  • Compensi derivanti da borse di studio, tirocini, rapporti autonomi di natura occasionale.

Restiamo a disposizione per ogni possibile chiarimento.

STUDIO LENZI

Archivio news

 

News dello studio

gen14

14/01/2019

CEDOLARE SECCA SU IMMOBILI COMMERCIALI: PRIMI CHIARIMENTI

Facciamo seguito alla ns del 10 scorso per precisare che, vista la rigidità della disposizione contenuta nell’art.1, comma 59, della Legge 145/2018, i vantaggi possibili connessi all’estensione

gen14

14/01/2019

NUOVO REGIME FORFETTARIO ANCORA IN CERCA DI CHIARIMENTI

Facciamo seguito alla nostra circolare del 10 scorso, per precisare quanto segue. Il nuovo articolo 1, comma 57, della legge 190/2014 non brilla certamente per chiarezza, cosicché per alcuni

gen10

10/01/2019

RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI 2019

Prevista dalla Legge di Bilancio 2019 la rivalutazione dei terreni e partecipazioni; in particolare, i commi 1053-1054 consentono di rideterminare il costo di acquisto di terreni edificabili e terreni

News

gen10

10/01/2019

Nuova tassonomia XBRL per i bilanci 2018

Con comunicato pubblicato sulla Gazzetta

gen16

16/01/2019

Banca estera con stabile organizzazione: possibile la nomina del rappresentante fiscale

La banca estera che detiene in conto proprio

gen17

17/01/2019

Smart working: priorità per lavoratrici madri e caregivers

La legge di Bilancio 2019 in tema di smart