Background image
  • Facebook

CEDOLARE SECCA 2019

10 gennaio 2019

La legge di Bilancio 2019 ha introdotto il regime agevolato della cedolare secca anche sugli immobili commerciali C1.

Ricordiamo che:

la cedolare secca è un regime facoltativo che consente di sostituire l’IRPEF e le relative addizionali, l’imposta di registro e l’imposta di bollo con il pagamento di un’imposta sostitutiva. Questa facoltà riguarda le persone fisiche, titolari del diritto di proprietà o del diritto reale di godimento di un immobile che danno in locazione fuori dall’esercizio di attività di impresa, arti e professioni. Nel caso in cui il locatore opti per la cedolare secca:

• il locatore applica sul totale dei canoni di locazione un’imposta sostitutiva;

• i redditi da locazione non sono più rilevanti ai fini IRPEF (ma vanno comunque indicati in dichiarazione ai fini del riconoscimento di benefici collegati al possesso di requisiti reddituali; come per esempio la determinazione dell’ISEE).

Gli elementi qualificanti della cedolare secca sono:

1)L'aliquota della cedolare secca è del 21% per i contratti ordinari e del 10% per i contratti a canone concordato (la Legge di Bilancio 2018 ha prorogato l'aliquota ridotta del 10% per i canoni concordato per il biennio 2018-2019).

 2) Gli immobili che possono usufruire della cedolare secca sono quelli appartenenti alle categorie catastali da A1 a A11 (escluso A10) locate ad uso abitativo e le relative pertinenze:

•locate congiuntamente all’abitazione,

•locate con contratto separato se nel contratto di locazione della pertinenza si fa riferimento a quello dell’immobile abitativo e sia evidenziato il vincolo pertinenziale.

 3) L'opzione della cedolare secca riguarda l’intero periodo di durata del contratto (o della proroga) o, se l’opzione è già stata esercitata nelle annualità successive alla prima, per il periodo di durata residua del contratto. In ogni caso il locatore ha diritto di revoca dell'opzione da effettuarsi entro 30 giorni dalla scadenza dell’annualità precedente, versando l’imposta di registro.

 Interessante è la possibilità che la Legge di bilancio 2019 (L. 145/2018) ha previsto per i contratti di locazione di immobili commerciali. Tali contratti possono usufruire della cedolare secca se in possesso dei seguenti requisiti:

•essere stipulati nell'anno 2019

•con oggetto unità immobiliari classificate nella categoria catastale C/1,

•superficie fino a 600 mq, escluse le pertinenze e relative pertinenze locate congiuntamente.

 Importante novità è la possibilità di usufruire della cedolare secca anche per le locazioni brevi, quelle cioè di durata non superiore a 30 giorni per immobili locati in Italia fuori dall'esercizio di impresa.

Restiamo a disposizione per ogni possibile chiarimento e porgiamo cordiali saluti.

Archivio news

 

News dello studio

gen14

14/01/2019

CEDOLARE SECCA SU IMMOBILI COMMERCIALI: PRIMI CHIARIMENTI

Facciamo seguito alla ns del 10 scorso per precisare che, vista la rigidità della disposizione contenuta nell’art.1, comma 59, della Legge 145/2018, i vantaggi possibili connessi all’estensione

gen14

14/01/2019

NUOVO REGIME FORFETTARIO ANCORA IN CERCA DI CHIARIMENTI

Facciamo seguito alla nostra circolare del 10 scorso, per precisare quanto segue. Il nuovo articolo 1, comma 57, della legge 190/2014 non brilla certamente per chiarezza, cosicché per alcuni

gen10

10/01/2019

RIVALUTAZIONE TERRENI E PARTECIPAZIONI 2019

Prevista dalla Legge di Bilancio 2019 la rivalutazione dei terreni e partecipazioni; in particolare, i commi 1053-1054 consentono di rideterminare il costo di acquisto di terreni edificabili e terreni

News

gen10

10/01/2019

Nuova tassonomia XBRL per i bilanci 2018

Con comunicato pubblicato sulla Gazzetta

gen16

16/01/2019

Banca estera con stabile organizzazione: possibile la nomina del rappresentante fiscale

La banca estera che detiene in conto proprio

gen17

17/01/2019

Smart working: priorità per lavoratrici madri e caregivers

La legge di Bilancio 2019 in tema di smart