Background image
  • Facebook

Bonus mamme domani 2017

23 maggio 2017

A partire dal 4 maggio è possibile presentare domanda all'Inps per richiedere il bonus nascita da 800 euro.

 

Chi può presentare domanda

  • Residenti in Italia;

  • cittadine italiane comunitarie; le cittadine non comunitarie in possesso dello status di rifugiato politico e protezione sussidiaria sono equiparate alle cittadine italiane per effetto dell’art. 27 del Decreto Legislativo n. 251/2007;

  • per le cittadine non comunitarie, possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo di cui all’articolo 9 del Decreto Legislativo n. 286/1998 oppure di una delle carte di soggiorno per familiari di cittadini UE previste dagli artt. 10 e 17 del Decreto Legislativo n. 30/2007, come da indicazioni ministeriali relative all’estensione della disciplina prevista in materia di assegno di natalità alla misura in argomento (cfr. circolare INPS 214 del 2016).

    Il beneficio di 800 euro può essere concesso esclusivamente per uno dei seguenti eventi verificatisi dal 1° gennaio 2017:

  • compimento del 7° mese di gravidanza;
  • parto, anche se antecedente all’inizio dell’8° mese di gravidanza;
  • adozione del minore, nazionale o internazionale, disposta con sentenza divenuta definitiva ai sensi della legge n. 184/1983;
  • affidamento preadottivo nazionale disposto con ordinanza ai sensi dell’art. 22, comma 6, della legge 184/1983 o affidamento preadottivo internazionale ai sensi dell’art. 34 della legge 184/1983.

Come specificato dall’Inps, il beneficio è concesso in un’unica soluzione, per evento (gravidanza o parto, adozione o affidamento), per ogni figlio nato o adottato/affidato contestualmente.

Importo

  • Le donne incinte, beneficiarie dell’agevolazione, riceveranno a titolo di bonus mamme domani un importo di 800 euro che sarà erogato dall’Inps a tutte coloro che inseriranno la propria domanda secondo le modalità stabilite.

 

Domanda

La domanda dovrà essere presentata all’Inps in modalità telematica.

 

Documentazione necessaria

  • presentazione del certificato di gravidanza in originale o, nei casi consentiti dalla legge, in copia autentica direttamente allo sportello oppure spedita a mezzo raccomandata (art. 49 del d.p.r. 445/2000). Tale certificazione, a tutela della riservatezza dei dati sensibili in essa contenuti, sarà presentata in busta chiusa sulla quale sarà riportato il numero di protocollo e la seguente dicitura: “Documentazione domanda di Premio alla Nascita – certificazione medico sanitaria”;

  • indicazione del numero del protocollo telematico del certificato rilasciato dal medico SSN o medico convenzionato ASL;

  • esclusivamente per le future madri non lavoratrici, in alternativa al certificato di gravidanza di cui al punto 1, è possibile indicare il numero identificativo a 15 cifre di una prescrizione medica emessa da un medico del SSN o con esso convenzionato, con indicazione del codice esenzione compreso tra M31 e M42 incluso. La veridicità di tale autocertificazione sarà verificata dall’INPS presso le competenti amministrazioni. Se la domanda è presentata a parto già avvenuto, la madre dovrà autocertificare nella domanda il codice fiscale del bambino. Le cittadine extracomunitarie in possesso del permesso di soggiorno valido ai fini dell’assegno di natalità devono certificare il possesso di tale titolo inserendone gli estremi nella domanda telematica.

    Lo Studio rimane a disposizione per ogni possibile chiarimento.

Archivio news

 

News dello studio

nov21

21/11/2017

Voucher per la digitalizzazione delle Pmi.

Il MISE ha definito termini e modalità

set26

26/09/2017

COMUNICAZIONI IMPORTANTI DA STUDIO

Lo Studio comunica che per i nuovi adempimenti

set22

22/09/2017

NUOVI ORARI STUDIO SERVIZIO DI CONSULENZA DEL LAVORO

Facendo seguito alla ns dell’1 scorso,

News

dic5

05/12/2017

Revisione Enti locali: al via il gruppo di lavoro del CNDCEC

Varato il gruppo di lavoro per l’attività

dic9

09/12/2017

La detrazione dell’IVA è sotto attacco?

Dalla Manovra correttiva 2017 alle più

dic11

11/12/2017

Legge di Bilancio 2018: limiti per la stabilizzazione dei contratti “precari”

La legge di Bilancio per il 2018 nel prevedere